Mattia_Cambi_move-your-body

Windtextour Preparazione Atletica

Amstel-Gold-Race_Cauberg

Amstel Gold Race – Cauberg

19 aprile 2017 Comments (2) Blog, Windtex Tour 2017

Il Muro di Huy

Freccia_Vallone_Muro-Huy

Il Muro di Huy, il record di Motalli

 

18 Aprile 2017

Anche oggi una bella pagina di sport al windtextour. Dopo che “motoMotalli” aveva sfoggiato la nuova Cervelo R5 cazzi e mazzi del peso netto senza haribo di 2 etti e mezzo, nella ciurma è serpeggiato un certo malumore.

Benchè tutti siano qui seguaci di una dottrina in cui la povertà ciclistica non è contemplata, questa ostentazione ciclopatrizia non è stata vista di buon occhio e sono subito subito scattate insinuazioni e velate minacce alimentate dalla sacrosanta invidia (cose tipo “non torni a casa con la bici intera!” “te lo spacco quel telaio di merda” e via dicendo).

Sportivamente nessuno dei presenti si è armato di martello per dare seguito alle parole, ma si confidava che le pietre del nord avrebbero fatto sommaria giustizia. Ci ha pensato, invece, con tempismo sospetto, un anonimo palo ai piedi del celeberrimo Muro di Huy (che per i nn addetti ai lavori altro non è che una rampa di garage spacciata per *strada dove passano le cose e le persone*). Un anonimo palo, si diceva, al quale l’incauto Motalli ha appoggiato la bici in maniera instabile cagionando lo strisciamento del tubo orizzontale del telaio su di esso. Leso il telaio, illeso lo spirito guerriero del Motalli che sulle ali di bestemmie mai udite ed agevolato dall’ulteriore limatura di peso della vernice rimasta sul famigerato lampione ha scalato la portentosa montagna siglando il record del mondo roba da dare 4 biciclette a Gilbert.

Nessuno lo potrà mai sapere ahimè, perchè il Garmin, nel frattempo, si era spento.

Però domani ha detto che fa il record sul Cauberg, senza specificare quale parte della bici andrà a scartavetrare sull’arredo urbano di Maastricht.

[Alessandro Galli]

 

Coach_2_Windtextour-2017

Il Coach 2.0 Mattia Cambi alle prese con l’allenamento degli atleti nell’Inferno del Nord.

2 Responses to Il Muro di Huy

  1. Loris ha detto:

    Motalli che striscia la sua nova Cervelo R5: sarebbe da buttarlo nella mischia della Freccia Vallone di oggi. Sono sicuro che darebbe la biada a tutti i Pro con la rabbia che ha in corpo.

    Quest’anno con l’arrivo di Mattia Cambi come Coach il Windtextour assume davvero un carattere agonistico senza precedenti.

    Bravi Ragazzi!

Rispondi a Loris Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *